Perché Afored

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Print this page

AFORED vuole essere: un percorso trasversale di partecipazione di tutte le parti sociali all’azione di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto

In un contesto quale quello dell’area tarantina, caratterizzato da una situazione di emergenza ambientale cronicizzata, lo sviluppo umano, sociale ed educativo non può che essere centrale nell’attenzione di chi opera a livello politico, amministrativo e scientifico.

E’ questo uno dei motivi per il quale il Programma di misure (interventi strutturali e non strutturali), predisposto dal Commissario Straordinario per gli interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto, dott.ssa Vera Corbelli, e contemplante azioni dirette di bonifica e mitigazione del rischio ambientale presente, si arricchisce, attraverso AFORED, di percorsi trasversali di partecipazione di tutte le parti sociali.

In tal modo si potrà dare piena attuazione al “percorso di rigenerazione” del tessuto territoriale, ambientale e sociale, senza il quale gli specifici interventi di bonifica rischiano di perdere di efficacia e “mitigare” la cattiva informazione che viene diffusa attraverso i media e che talvolta crea più danni della non informazione.

Perché AFORED

  • Per portare all’attenzione di chi opera a livello politico, amministrativo, scientifico la centralità che lo sviluppo umano, sociale ed educativo ha soprattutto in contesti di crisi ambientale.
  • Per generare processi di conoscenza, coscienza, partecipazione, cambiamento.
  • Per limitare/evitare la ‘disinformazione’ in merito a interventi e misure posti in essere dal Commissario Straordinario.
  • Per fornire gli strumenti per immaginare/costruire futuri possibili.