Bonifica di Taranto: si è insediato il Tavolo istituzionale

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Print this page

All’incontro, coordinato dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Claudio De Vincenti, hanno preso parte rappresentanti del Governo Centrale, il Governo Regionale, le Autorità Civili e Militari, che in tempi e modi diversi, hanno impegnato la giornata per fare il punto sulle azioni di bonifica, riqualificazione, rilancio e sostenibilità inerenti l’area di crisi ambientale Tarantina ed comuni contermini.

Nella mattinata, presso il Palazzo del Governo, si è insediato il Tavolo Istituzionale (previsto dalla Legge 4 Marzo 2015 n.20) coordinato dal Sottosegretario prof. Claudio De Vincenti, che avrà il compito di definire entro novembre il Contratto Istituzionale di Sviluppo per l’Area di Taranto. Il Commissario Straordinario per gli interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto, Dott.ssa Vera Corbelli, ha rappresentato il lavoro intrapreso ed attuato da settembre 2014 sino oggi nonché le azioni da realizzare nei prossimi anni sull’area di interesse con priorità per il quartiere Tamburi e la Città Vecchia. Le attività si sono spostate, nel pomeriggio, presso l’Aula Magna Convento S. Francesco (ex caserma Rossarol), Via Duomo Città Vecchia Taranto, dove si è svolta la “Giornata di Lavoro” sulle azioni poste in essere dal Commissario Straordinario sul SIN e sull’Area di Crisi ambientale ai fini della bonifica e della riqualificazione del sistema fisico-ambientale e culturale.

Alla giornata di lavoro hanno preso parte: Prof. Claudio De Vincenti, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri; On.le Alessandro Bratti, Presidente Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti — Componente della VIII Commissione (Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici); Dott. Umberto Guidato, Prefetto di Taranto; Dott. Franco Sebastio, Procuratore Capo Taranto; Assessore alla Pianificazione Territoriale della Regione Puglia Dott.ssa Anna Maria Curcuruto; Prof. Antonio Felice Uricchio, Rettore UNIBA; Vicesindaco di Taranto Lucio Lonoce; Prof. Don Antonio Panico LUMSA – LIBERA UNIVERSITÀ “MARIA SS. ASSUNTA”. All’incontro sono stati inoltre presenti: Questore, Ammiraglio Com. Marina Sud, Comandante Regionale Guardia di Finanza, Comandante Provinciale Carabinieri, Comandante Capitaneria di Porto, Comandante Provinciale Vigili del Fuoco, Rettore POLIBA, Direttore CNR-DTA, Commissario Straordinario ILVA, Commissario Autorità Portuale, Direttore Generale ARPA, Presidente Provincia Taranto, Sindaci Comuni Area di Crisi Ambientale, Provveditore agli Studi, Ordini Professionali, Presidente Confindustria Taranto, Presidente ANCE, Presidente ASI, Presidente Camera di Commercio Taranto, Associazioni ambientaliste, Organizzazioni sindacali, Associazioni culturali.

Nel corso del confronto il Commissario Straordinario ha rappresentato i lavori in corso sull’area Portuale, sulle cinque scuole e sul cimitero San Brunone del quartiere Tamburi nonché quelli di messa in sicurezza della falda profonda nell’area PIP del Comune di Statte e le attività inerenti il Mar Piccolo. In particolare, il Commissario Straordinario, ha focalizzato l’attenzione su questo ecosistema di grande valore e di delicato equilibrio, illustrando le numerose, complesse ed organiche azioni già avviate, che riguardano: − la bonifica e riqualificazione ambientale delle sponde e delle aree contermini. − la rimozione sostenibile e smaltimento dei materiali di natura antropica presenti sul fondale. − la bonifica degli ordigni e dei residuati bellici. − gli interventi per la mitigazione degli impatti derivanti dagli scarichi. − gli interventi per l’abbattimento delle fonti di contaminazione provenienti dalla rete idrografica superficiale. − gli interventi per l’abbattimento delle fonti di contaminazione da deflusso delle acque sotterranee. − gli interventi per la bonifica e/o messa in sicurezza permanente dei sedimenti contaminati.

L’incontro è stato l’occasione per ribadire la fondamentale importanza che riveste il percorso di partecipazione, comunicazione e condivisione intrapreso, il quale, oltre a vedere una costante attivazione della rete Istituzionale consolidata mette al centro i giovani ed il loro futuro. Il Commissario Straordinario ha concluso affermando che “Siamo chiamati a garantire un sistema di riferimento sano e connotato di valori, la piattaforma che si sta realizzando deve essere solida e sicura per costruire un ancoraggio duraturo”.

Lascia un commento