C E N N I S T O R IC I
sito_commissario_2015_-_19_gennaio012055.gif
Francesco Cassiano de Silva – 1703
posta
certificata
mappa
del sito
posta%20certificata_50.gif
sede e contatti
sito_commissario_2015_-_19_gennaio012049.jpg

La città di Taranto fu fondata quasi certamente nel 707 a.C. come colonia della Magna Grecia. Per la sua posizione strategica e per essere al centro del golfo omonimo, è sempre stata una città di "frontiera": infatti, era l’unico porto sicuro dell’Italia meridionale nel punto più interno del Golfo, passaggio obbligato per i natanti che dall’Italia meridionale salpavano verso l’Oriente e viceversa.

Nonostante la successiva dominazione romana rimase città greca nella lingua, nei costumi e nella civiltà per altri tre secoli, sino ad essere completamente distrutta nel 209 a.c. sempre dai Romani.

 

Con la caduta dell’Impero Romano (476 d.C.), Taranto, rimasta un piccolo villaggio di pescatori indifeso, subì il dominio degli Ostrogoti e dei Bizantini che, nel 927 d.C., ricostruirono parte della città, oggi ancora visibile nel tessuto urbano più antico.

 

Nel 1063 divenne provincia normanna, beneficiando, come tutto il Mezzogiorno, della rinascita culturale che si ebbe grazie, appunto, ai Normanni e successivamente agli Svevi. In particolare, Federico II insignì del titolo di principe di Taranto suo figlio Manfredi, ma con la sua capitolazione la città entrò in un periodo buio che cessò quando, a metà del XVI secolo, passò definitivamente sotto il dominio spagnolo, durante il quale furono eseguite nuove opere di difesa, come le enormi fortificazioni che la resero una fortezza inespugnabile.

 

Nel 1734, passata ai Borbone con Carlo III, fu incorporata nel “Regno di Napoli e di Sicilia” e, in occasione dell’adesione alla Repubblica Partenopea, acquistò importanza quale base navale militare, per opera di Giuseppe Bonaparte e Gioacchino Murat, che la dotarono di nuove fortificazioni, di caserme e di un Arsenale Militare. Subito dopo l’incorporazione di Taranto nel Regno d’Italia, alcuni illustri tarantini, fra i quali Cataldo Nitti e Nicola Mignogna, si adoperarono per la valorizzazione di Taranto dal punto di vista militare e marino.

SISTEMA FISICO ED AMBIENTALE
CENNI STORICI
SISTEMA URBANO
SISTEMA INDUSTRIALE
AREA AD ELEVATO RISCHIO DI CRISI AMBIENTALE
SIN DI TARANTO
SIN D'ITALIA
Il territorio
NOMINA DEL COMMISSARIO
QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO E TECNICO
ASSETTO GESTIONALE ED AMMINISTRATIVO ATTUALE
Il Commissario Straordinario
Home
sito_commissario_2015_-_19_gennaio002002.gif
CONTATORE SPESE
INTERVENTI STRUTTURALI E NON STRUTTURALI
BANDI E INTESE
sito_commissario_2015_-_19_gennaio001046.gif
CARTOGRAFIA
sito_commissario_2015_-_19_gennaio012037.jpg sito_commissario_2015_-_19_gennaio012036.jpg
PRINCIPALI INCONTRI/RIUNIONI
sito_commissario_2015_-_19_gennaio012033.jpg
RASSEGNA STAMPA
sito_commissario_2015_-_19_gennaio012030.jpg
TRASPARENZA
PORTATORI DI INTERESSE
SPAZIO OPEN
sito_commissario_2015_-_19_gennaio012021.jpg
DOSSIER
FOTOGRAFICO
sito_commissario_2015_-_19_gennaio012018.jpg sito_commissario_2015_-_19_gennaio012017.jpg sito_commissario_2015_-_19_gennaio012016.jpg
ARCHIVIO NOTIZIE
AVANZAMENTO FISICO DEI PROGETTI
avanzamento%20progetti%20ok5_200.gif sito_commissario_2015_-_19_gennaio012011.jpg
Commissario Straordinario per gli interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto.
PEC: vera.corbelli@pec.commissariobonificataranto.it
e-mail: vera.corbelli@commissariobonificataranto.it
LINK
sito_commissario_2015_-_19_gennaio012005.jpg
PROGETTO AFORED
sito_commissario_2015_-_19_gennaio012002.jpg
COMMISSARIO STRAORDINARIO CEMERAD
ARCHIVIO 2015
ARCHIVIO 2016
ARCHIVIO 2017
SELEZIONA ANNO